Attualmente sei su:

Inmarsat - Introduzione al Network

ATTENZIONE: Inmarsat miniM e M4/GAN

  • miniM terrestre e GAN/M4: chiusi 30 settembre 2014. 
  • miniM marittimo: chiuso 30 dicembre  2016. 
  • MPDS: End of Life: 31 Dicembre 2017
  • Fleet 33 e 55: End of Life: 31 Dicembre 2018
  • Fleet 77: End of Life: 31 Dicembre 2020

Inmarsat - Introduzione

Il Sistema satellitare Inmarsat e' stato per tanti anni l'unico sistema satellitare a disposizione per poter comunicare in ogni angolo della terra.

Inizialmente concepito per le grandi navi in ambito oceanico, furono poi sviluppate versioni terrestri, utilizzate principalmente da societa' petrolifere. Questi apparati oltre ad essere molto costosi erano anche molto ingombranti, circa 34-40 chili, con antenne di circa 1 metro quadrato di superficie. Furono poi sviluppati modelli con antenna ad ombrello, resi famosi dagli inviati della CNN durante la guerra del golfo.Inmarsat ha introdotto un primo standard portatile nel 1992, lo standard M, il cui peso, circa 10 chili, seppur ancora elevato, era un buon passo in avanti dagli standard precedenti.

L'utilizzo dello standard M era ancora difficile, con la necessita' di settare l'apparato in base a veri parametri, cosa che ne limitava comunque l'utilizzo.

Nel 1996, venne poi introdotto lo standard mini-M, apparati di circa 2 chili di peso, delle dimensioni di un piccolo computer note-book, portatile, caratterizzato da una estrema facilita' di utilizzo.

Speeka e' stata il cliente di lancio del mini-M a livello mondiale, commercializzando il NEC Planet 1.

Il mini-M adotta la tecnologia digitale, con SIM card. Vi sono tre societa' produttrici di apparati: la danese Thrane Thrane, la norvegese Nera, e Nec, giapponese.

Il  mini-M puo' trasmettere voce, fax e dati. La velocita' della trasmissione dati e' di 2400bps, utile e sufficiente per posta elettronica leggera, scarsa certamente per navigare in internet.

Nel 1999 Inmarsat decise di produrre un nuovo standard, M4 poi definito GAN (global area network) che sulla base tecnica del mini-M, garantisce l'alta velocita' della trasmissione dati: 64K e' il nuovo limite, una velocita' elevata, che garantisce un perfetto collegamento con Internet ed e' anche sufficiente per videoconferenze. L'M4 GAN supporta anche connessioni in IP, con una banda disponibile di circa 35K. Il mini-M e l'M4 sono gli standard preferiti da ONG e da tutte quelle societa' che fanno della riservatezza una componente determinante della loro attivita': infatti, lo standard mini-M supporta il codice STU II ed il codice STU III, utilizzati a livello mondiale per trasmissioni criptate.


Il nuovo standard Inmarsat, studiato per la trasmissione dati, e' definito BGAN, che offre una banda in IP fino a 496Kbps e di 256Kbps in streaming, voce e dati contemporanei, SMS, oltre che a connessioni in ISDN a 64Kbps.

l servizio Inmarsat e' garantito da una rete di satelliti geostazionari, all'equatore, con 2 altri satelliti di back up. Il sistema non copre i poli Nord e Sud, e non copre comunque le zone della terra oltre il 76 parallelo Nord e Sud. L'utente ha un unico numero di telefono attraverso il quale e' reperibile in tutto le zone coperte dal sistema. Le telefonate in ricezione non sono addebitate.

Gli apparati possono eseguire voce, fax, trasmissione dati a bassa ed alta velocita', in modalita' ISDN oppure in modalita' MPDS, con tariffazione IP a pacchetto, in base al modello prescelto.

Per l'utilizzo e' necessario attivare appositamente una SIM Card da inserire negli apparati per abilitarne le funzioni.

Gli standard Inmarsat attuali sono:

  • miniM
  • M4-GANC /
  • miniC
  • D/D+
  • BGAN
  • Swift 64 aeronautico
  • Swift Broadband
  • Fleet 77-55-33
  • Fleet Broadband
Questo sito usa cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni utilizzato solo ed esclusivamente per la gestione degli ordini dei nostri prodotti. Per saperne di piĆ¹ Permetti Cookies Close